30 anni di tutela dei cetacei nel Mar Tirreno

Questa nuova storia di passione per il mare inizia nel 1991.

A bordo del veliero Barbarian, un gruppo di appassionati ed esperti, capitanati da Barbara Mussi, ha iniziato ad effettuare i primi monitoraggi nelle acque di Ischia e Ventotene, nel Mar Tirreno, alla ricerca dei cetacei presenti nell’area e, sin da subito, i risultati confermavano la presenza di ben sette specie.

Dal 1997 lo studio si è poi focalizzato sul canyon di Cuma, una valle sottomarina situata tra Ischia e Ventotene, focalizzando l’attenzione sulla popolazione locale del raro delfino comune (Delphinus delphis).

Due anni dopo, però, nel dicembre 1999, l’affondamento di Barbarian a causa di una violenta tempesta, ha causato l’arresto del progetto, la perdita dei dati e della strumentazione scientifica.

Arrendersi? Forse lo avrebbero fatto in molti, ma non Barbara ed il suo team.

L’anno successivo, dopo il restauro di un nuovo veliero, Jean Gab, è stata fondata Delphis, un’organizzazione no-profit dedicata alla conservazione dei cetacei, che, negli anni a seguire, è riuscita a diffondere la sua missione sul territorio, attraverso la creazione di un Museo dei Cetacei ed eventi di educazione come la Festa del Delfino.

Nel 2010, dalla comunione di visione e azioni, Delphis si fonde con Oceanomare e nasce, così, Oceanomare Delphis Onlus, organizzazione che, ancora oggi, unisce alla ricerca scientifica sul campo importanti attività di educazione e conservazione.

Oceanomare Delphis unisce organizzazioni e individui legati dall’interesse per i cetacei e l’ambiente marino, per incidere sulle istituzioni e intraprendere azioni concrete di salvaguardia e tutela, identificando aree chiave per i cetacei (zone di alimentazione, di riproduzione, e rotte preferenziali utilizzate dagli animali nel Mediterraneo). Le zone individuate, vengono poi sottoposte all’attenzione dei gestori politici, suggerendo metodi per la loro protezione e gestione.

I dati e le azioni di Oceanomare Delphis hanno contribuito alla creazione dell’Area Marina Protetta "Regno di Nettuno", facendo includere nella perimetrazione l’habitat critico del delfino comune, oggi un’area a protezione speciale dedicata ai cetacei. Nel 2017, le acque costiere di Ischia e Ventotene e gli arcipelaghi Campano e Pontino sono stati riconosciuti come Important Marine Mammals Areas (IMMAs), dalla IUCN.

Oceanomare Delphis finanzia i propri studi attraverso l’ecoturismo accogliendo dal 1991 volontari da tutto il mondo che dedicano le loro vacanze a un progetto di conservazione. I partecipanti vivono a bordo dell’imbarcazione e prendono parte al lavoro sul campo aiutando i ricercatori nella raccolta dati, o sviluppando tirocini, tesi e dottorati di ricerca.

Appassionati, addetti ai lavori, studenti, insegnanti…Oceanomare Delphis coinvolge tutti nelle proprie attività dando la possibilità di vivere in prima persona l’incontro con i cetacei, animali estremamente carismatici ma, allo stesso tempo, a rischio di scomparire a causa dell’impatto negativo delle nostre azioni.

Se volete saperne di più e vivere un’esperienza unica con Oceanomare Delphis, non esitate ad entrare in contatto con loro:

Website:
https://www.oceanomaredelphis.org

Email: postmaster@oceanomaredelphis.org

Facebook:
Oceanomare Delphis Onlus

Instagram:
oceanomare_delphis

By Stefano Bellomo